Calamari fritti con pastella

Questa ricetta è stata letta da 12358 persone

Calamari fritti con pastella - La cucina di nonna Rita

I calamari fritti sono uno di quei piatti che piacciono molto, insieme alla frittura mista di pesce.

Un piatto molto gettonato specie nel periodo estivo. Ma è anche uno di quei piatti in cui è facilissimo fare una brutta figura e portare in tavola una frittura molliccia, per nulla croccante e asciutta. Ed ecco perché spesso in casa non la si prepara e si preferisce gustarla solo al ristorante.

Con qualche piccolo accorgimento è possibile preparare i calamari fritti con la pastella anche in casa, e riuscire ad avere un guscio croccante esterno che racchiude un morbido e tenero anello di calamaro dentro.

Prima di tutto è importante pulire per bene i calamari. E’ possibile farli pulire dal pescivendolo e farseli tagliare a rotelle, pronte per la frittura. Oppure comperare i calamari surgelati già tagliati ad anelli, ma i calamari freschi sono tutta un’altra cosa.

Una regola importante, prima di friggere i calamari è asciugarli per bene, magari tamponandoli con un canovaccio o con della carta assorbente. Questo eviterà fastidiosi schizzi una volta che i calamari entreranno in a contatto con l’olio caldo in frittura.

Bene adesso siamo pronti per procedere alla pastellatura e alla frittura dei nostri calamari, andiamo in cucina allora!


Calamari fritti con pastella
o al forno


Portata: Secondi piatti
Difficoltà: Facile
Porzioni: 4
Tempo prepar:  15 minuti
Tempo cottura:  15 minuti
Tempo totale:  30 minuti


Ingredienti


  • 800 gr di calamari puliti
  • Per la pastella:
  • 200 gr di farina 00
  • 200 ml di acqua frizzante freddissima
  • 1 pizzico di sale
  • 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva
  • Per la frittura:
  • Olio di semi di arachidi o olio extra vergine di oliva q.b

Preparazione


  • Puliamo i calamari, staccando delicatamente la testa dal corpo, separiamo i tentacoli dagli occhi e togliamo le interiora, Togliamo il becco al centro dei tentacoli.
    All’interno del sacco, togliamo l’osso cartilagineo sfilandolo. Togliamo la pelle e tagliamo il sacco (che si presenterà bianco, compatto e lucido) a rondelle. Laviamo sotto l’acqua corrente il calamaro e asciughiamo benissimo ogni pezzo con un canovaccio pulito o con carta assorbente.

  • Prepariamo la pastella unendo in una ciotola la farina, l’acqua frizzante freddissima, 1 pizzico di sale e 1 cucchiaio di olio evo.
    Mescoliamo energicamente tutti gli ingredienti con una frusta e lasciamo riposare per un minuto.

  • Intanto mettiamo l’olio per la frittura in una pentola un po’ profonda e lasciamo raggiungere la temperatura.
  • Immergiamo nella pastella i calamari e tuffiamo subito nell’olio caldo. L’acqua frizzante fredda a contatto con il calore dell’olio renderà i nostri calamari fritti leggeri e molto croccanti.

    Cuociamo pochi anelli alla volta per non abbassare la temperatura dell’olio.
    Lasciamo cuocere fino a completa doratura, scoliamo e poniamo man mano su carta fritti per togliere l’unto in eccesso
    .
  • Serviamo i calamari fritti in pastella ben caldi dopo aver salato leggermente.

I consigli di nonna Rita

Questa pastella può essere usata per friggere i gamberi

Se decidi di pulire da sola i calamari: ecco come fare.
Stacca delicatamente la testa del calamaro dal corpo, separa i tentacoli dagli occhi e priva il calamaro delle interiora. Al centro dei tentacoli si trova il becco, che è duro e va eliminato.
All’interno del sacco, invece, si trova un osso cartilagineo, che sarà molto semplice eliminare sfilandolo. A questo punto non rimane che tirare via la pelle e tagliare il sacco (che si presenterà bianco, compatto e lucido) a rondelle.
Sono commestibili naturalmente anche le ali e i tentacoli, che possiamo tagliare come più ci piace prima di friggerli.


Questa ricetta è stata letta da 12358 persone

Nonna Rita

Una nonna che vuole condividere le ricette della sua cucina, ricette sperimentate, pescate in rete. Ma anche ricette tipiche della mia regione e città. Piatti dal sapore familiare da gustare ed assaporare con chi si vuole bene. Nonna Rita

Potrebbero interessarti anche...

error: La cucina di nonna Rita